• Lampadari moderni per ogni stanza: consigli e suggerimenti

    I lampadari moderni non sono soluzioni intercambiabili che possano essere usati indifferentemente in cucina, in soggiorno o in bagno: ogni ambiente della casa, infatti, ha delle prerogative specifiche che devono essere rispettate. Ciascuna stanza, insomma, ha bisogno di un’illuminazione particolare, che dipende non solo dallo spazio a disposizione, ma anche dal resto dell’arredamento e, soprattutto, dalle attività che in quella stanza devono essere svolte. Come si può facilmente intuire, infatti, in una camera destinata al relax e al riposo l’illuminazione non potrà essere eccessiva, ma dovrà risultare tenue e delicata.

    In giro per la casa

    lampadari moderni su illuminazioneshop.com permettono di illuminare qualsiasi angolo della casa: a cominciare dall’ingresso, dove si può scegliere un’illuminazione di atmosfera, il meno possibile invadente e di tipo indiretto. Questa parte dell’abitazione è destinata ad accogliere gli ospiti, e può essere considerata come un biglietto da visita per chiunque entri in casa: per questo motivo deve cercare di trasmettere una sensazione di benvenuto. Non è detto che si debba ricorrere per forza ai lampadari moderni: anche una lampada da tavolo con paralumi o un’applique a parete consentono di raggiungere il risultato desiderato.

    Dal soggiorno alla cucina

    Proseguendo, in soggiorno gli esperti suggeriscono di scegliere più di una sorgente luminosa: se possibile, ognuna di esse dovrebbe essere collocata a un’altezza differente rispetto alle altre. Si può spaziare, pertanto, dai faretti installati nel cartongesso alle lampade a soffitto, senza dimenticare le applique destinate all’illuminazione delle pareti. Per la parte bassa del soggiorno, ecco le lampade da tavolo o perfino le lampade da terra, che hanno il merito di dare vita ad atmosfere rilassate e particolarmente intime. Il soggiorno è, in linea di massima, uno dei locali della casa in cui si trascorre più tempo: è importante, dunque, avere a disposizione più soluzioni per l’illuminazione, che si adattino alle necessità del momento.

    Per quel che riguarda la cucina, la luce è decisamente importante: qui si “lavora”, si taglia, si cuoce e si impasta. Insomma, c’è bisogno di sicurezza, e dunque di un’illuminazione adeguata. Non che servano delle soluzioni particolari, sia chiaro: un lampadario centrale è più che sufficiente per garantire una corretta illuminazione all’intera stanza, ma è meglio integrarlo e supportarlo con delle lampade sottopensili o dei faretti, che assicurino – per esempio – la massima visibilità possibile nel momento in cui si è ai fornelli.

    Se in casa è presente uno studio, o comunque un ambiente dedicato al lavoro, la luce deve essere collocata sopra al tavolo; lo stesso dicasi per la sala da pranzo, tenendo presente che l’altezza del lampadario deve essere tale da non risultare irritante per gli occhi. Ecco perché la soluzione migliore è quella rappresentata da un lampadario a sospensione: si può regolare la sua altezza in base alle necessità, e la luce viene diretta verso il basso. Se poi ci sono dei particolari che meritano di essere messi in risalto, come per esempio un diploma appeso alla parete o un quadro, nulla vieta di illuminarli con delle applique ad hoc. In bagno, infine, l’illuminazione del locale deve essere abbinata a quella sopra allo specchio; di solito si opta per una plafoniera, ma vanno bene anche dei faretti incassati nel soffitto.